LA NASCITA DEL III REICH(1933)

E’ il 1933. Oramai tutti sapevano che presto sarebbe scomparsa la Repubblica di Weimar, e quando il cancelliere tedesco allora in carica, von Schleicher fu destituito, Adolf Hitler, capo dei Nazionalsocialisti, che formavano il più forte partito politico della Germania, chiese per se la carica di cancelliere. Per un mese aveva trattato nella più assoluta segretezza con von Papen, ex cancelliere. L’accordo cui erano giunti era la formazione di un governo di coalizione i cui membri, otto non nazisti e tre nazisti, avevano come scopo comune l’abolizione del regime democratico di Weimar. L’allora presidente in carica, von Hindenburg, un anziano generale della prima guerra mondiale, non aveva alcuna intenzione di nominare cancelliere del Reich quel “caporale austriaco”, come lui stesso lo definiva. Hitler, era tuttavia diventato così influente nella vita politica tedesca che furono gli stessi collaboratori di von Hindenburg a convincerlo di lasciare il posto di cancelliere nelle mani di Hitler. Hitler diventa cancelliere 30/01/1933 Finalmente ce l’aveva fatta. Il 30 Gennaio 1933, a soli 43 anni. Quando tornò dal prestare giuramento, i suoi occhi erano pieni di lacrime, come ci fa sapere un suo vecchio camerata. Quella sera stessa decine di migliaia di uomini, facenti parte delle truppe d’assalto naziste, marciarono in perfetta parata al lume delle torce per celebrare la recente vittoria. Hitler dichiarò che il Terzo Reich sarebbe durato mille anni. In effetti durò appena dodici anni, ma, in questo breve lasso di tempo, riuscì a provocare un’eruzione più violenta di qualsiasi altra mai registrata nella storia. Anche se è vero che il popolo tedesco era stato naturalmente predisposto a quell’evento da secoli di esperienza, e che egli trovò in esso uno strumento naturale che plasmò a suo piacimento per raggiungere i suoi fini sinistri, di certo senza la personalità demoniaca di Adolf Hitler, senza la sua volontà di ferro, senza i suoi strani istinti, la sua fredda mancanza di scrupoli, la sua intelligenza eccezionale, la sua potente immaginazione, e la sua quasi incredibile capacità di dominare uomini e situazioni, il Terzo Reich non sarebbe mai esistito. “Hitler è uno dei grandi esempi – osserva Friederick Meinecke, eminente storico tedesco – della singolare incalcolabile potenza della personalità nella vita storica”. E quasi fosse dotato di una potere oscuro, quando arrivò al potere, un intero popolo gli ubbidì ciecamente durante i tempestosi dodici anni che seguirono.

FONTE:http://xoomer.virgilio.it/parmanelweb/La%20nascita%20del%20Terzo%20Reich.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...